Crea sito

«

»

Set 16

Il giovane Montalbano: si gira da settembre 2014 a marzo 2015

Confermata la presenza di Fabrizio Pizzuto nel Cast della seconda serie della fiction “Il Giovane Montalbano” che sarà girato tra settembre 2014 e marzo 2015.

Ancora ore di divertimento assicurato per la regia di Gianluca Tavarelli.

Il “Catarella”… di Fabrizio Pizzuto sarà presente anche per la terza serie !

Note di Regia

Il giovane Montalbano…

La prima cosa che ho fatto è stata quella di leggermi sistematicamente tutti i libri di Montalbano. In ordine. Dal primo all’ultimo. Per poi procedere a ritroso, tornare indietro e raccontarne la gioventù.
La gioventù è la stagione in cui tutto è divenire. Poniamo le basi di quello che saremo. Attraverso i sogni disegniamo qualcosa che poi con il tempo cercheremo di raggiungere. Nella stragrande maggioranza dei libri di Montalbano, il commissario è già un uomo, sicuro di sé e della sua professione, con amicizie e rapporti consolidati. Il nostro compito è stato quello di far girare le lancette al contrario e andare a vedere com’era Salvo Montalbano da giovane. In quel periodo della vita in cui l’insicurezza e la paura sono più presenti che in altri momenti.
Per tutte le persone che lo conoscono Montalbano è un personaggio eroico, maturo, giusto, sicuro di sé, che difficilmente sbaglia, adulto. Qui raccontiamo un Montalbano “figlio”. Figlio sia nel difficile rapporto con il padre, rapporto che si nutre, di silenzi imbarazzati, di rancore, di ferite mai sanate, ma anche di un irriducibile amore, un amore con il quale Salvo è costretto a fare i conti e che lo riporta indietro nel tempo alla sua adolescenza, alla perdita prematura della madre, alla solitudine di un bambino che cresce senza genitori. Figlio sia nel rapporto professionale che ha con il commissario del paese di montagna in cui si fa le ossa, da cui ha imparato tutto e a cui confida le sue paure e le sue speranze. Ma figlio anche di Giuseppe Fazio, il poliziotto anziano che incontra al commissariato di Vigàta, che lo prenderà sotto la sua ala protettrice, consigliandolo quando lo vedrà in difficoltà, nel lavoro come nella vita privata. La vita privata di un giovane, fatta di avventure e amori, che nascono e finiscono, di strade che con dolore si separano e percorsi nuovi che invece s’intraprendono. Tutto questo mondo emotivo, questa trama di rapporti familiari e amorosi, è la materia che abbiamo affrontato in questo giovane Montalbano.
E poi c’è la Sicilia. C’è la cucina della Sicilia. Il mare. D’estate e d’inverno. Le donne della Sicilia. Con quegli sguardi antichi, profondi, sempre un po’ tristi e pieni di dolore, che abbiamo cercato di riportare sullo schermo così come Camilleri ce li descriveva nelle sue pagine.
E poi ci sono quei personaggi e quei volti che entrano in contatto con Montalbano in ognuna delle sue indagini, che sono una delle travi portanti dei romanzi di Camilleri che abbiamo cercato e scovato in giro per tutta la Sicilia.

Gianluca Maria Tavarelli


Guarda tutte le puntate della fiction qui